Home page Squilibri
Seguici su facebooktwitteryoutube
Novità: spedizione standard per l'Italia gratis!

Giovanni De Zorzi

Maqām

Percorsi tra le musiche d'arte in area mediorientale e centroasiatica 
2020, 
€ 28
Formato 15x21, pp. 322, 37 immagini a colori e in b/n  

 

€28.00
€26.60

Con un taglio narrativo e un respiro enciclopedico, il volume ricostruisce un insieme di musiche d’arte che, indicate con il termine arabo maqām, hanno assunto nei secoli caratteristiche comuni – teorie, forme, generi, strumenti, cicli ritmici – nel progressivo diffondersi dell’Islam in un’area vastissima, dall’Andalusia alla Cina, nella quale spiccano come centri musicali di particolare importanza Damasco, Baghdad, Cordoba, Granada, Herat, Tabriz, Costantinopoli, Bukhara, Samarcanda, le sei città oasi sui bordi del Taklamakan e il Cairo.

Malgrado differenze anche notevoli, uno stesso retroterra culturale uniformava il pensiero di artisti, scienziati e letterati che si esprimevano in arabo e in persiano, riferendosi – anche in musica – a testi e maestri comuni nella consapevolezza di una koiné destinata ad affievolirsi e poi a disperdersi con l’avvento dei moderni stati nazionali, tra la fine del XIX e gli inizi del XX secolo.

 

dezorzi


Musicista, docente di etnomusicologia all’Università “Ca’ Foscari” di Venezia, Giovanni De Zorzi si occupa di musica d’arte e sufi di area ottomano-turca e centroasiatica. Alterna l’attività concertistica (come solista o con l’Ensemble Marâghî) con la ricerca sul campo e la direzione artistica di programmi musicali

 

Trovare una maniera di raccontare un oceano senza sponde qual è la musica dell'area mediorientale e centroasiatica è l'impresa titanica che Giovanni De Zorzi, il maggiore studioso italiano di musica sufi ottomano-turca e persiana, ha affrontato con risultati brillanti. La sintesi di un insieme smisurato di forme, stili e linguaggi musicali Oreste Bossini, Il manifesto 

De Zorzi giunge alla meta al termine di tre decenni di studi matti e appassionati (...) per ricostruire con pazienza sia le radici che gli esiti di un fenomeno (...) per introdurci a meraviglie musicali di inestimabile valore, frutto di un patrimonio millenario che continua a rinnovarsi nel presente Piercarlo Poggio, Blow Up

... i padri fondatori di una disciplina denominata musicologia comparata e, dal 1949, etnomusicologia. Nella cui scia il volume dello studioso veneziano, arricchito dalla prefazione di Jean During e da sostanziose appendici bibliodiscografiche, e costruito con apprezzabili intenzioni narrative, si inserisce ora in modo autorevole Luca Cerchiari, Domenicale-Il sole 24 ore 

C'è un paesaggio sonoro, che si dipana dalla Spagna fino ai confini con la Cina, che nei secoli ha sempre mantenuto una sua dinamica identità (...) Un patrimonio musicale che, soprattutto in Occidente, rischia di essere ignorato e che ora trova nel libro di Giovanni De Zorzi un affascinante momento di apprendimento e di indagine  Giampaolo Bonzio, Il gazzettino

€28.00
€26.60

Usiamo i cookie per far funzionare al meglio il sito. Accettali se vuoi proseguire.