Home page Squilibri

» Spedizione standard gratis in tutta Italia

Giuseppe Moffa 

Uauà  

contiene cd e

Omaggio in musica ad Eugenio Cirese
2022, € 20

Formato 14x14, pp. 48, con foto e dipinti a colori           

 

In offerta con il 5% di sconto

€20.00
€19.00

 Figura centrale nella storia culturale del Molise, Eugenio Cirese ha dedicato alla sua terra gran parte della propria opera, sostenuta da una spiccata predilezione per il dialetto e dalla solidale partecipazione alla causa dei contadini dei quali raccoglie, con grande perizia filologica, anche le voci e i canti: tuttora insuperata, per quanto irreperibile, la sua raccolta Canti popolari del Molise, del 1953.

Alla sua opera si è accostato Giuseppe “Spedino” Moffa, cantautore e polistrumentista che, figlio della stessa terra, ne ha colto appieno la ricchezza tematica e l’estrema vivacità linguistica ed espressiva. Trasponendone in musica alcune delle pagine più significative, ne ha evidenziato anche la sorprendente attualità e la loro profonda aderenza a istanze e aneliti che ancora pervadono molte delle comunità molisane. Una brillante rivisitazione sonora di un intero universo poetico ed antropologico condotta all’insegna di quelle grida di ragazzi che spesso irrompono nelle pagine ciresiane: Uauà, per l’appunto.

Con introduzione di Antonio Fanelli e i dipinti di Fulvio Trivisonno, un’iniziativa editoriale promossa dal Comune di Fossalto, finanziata dal GAL “Molise verso il 2000” tramite il bando “Officine Sociali” e realizzata dall’impresa culturale e creativa JustMO’.

 

 

 

moffa


Musicista, compositore e cantautore, fondatore e leader della Zampognorchestra,  Giuseppe Moffa è al sesto album come solista 

 

 

 

Eugenio Cirese, infaticabile collettore della storia popolare del Molise: ne ripercorre con poesia, rigore e fantasia, i passi Giuseppe Moffa e la strada continua  Guido Festinese, Alias-Il manifesto

Spedino si immerge nell'opera di Cirese e ne trae gli spunti per costruire una sua narrazione. Che mantiene la dimensione poetica e storica, pur in un quadro estetico chiaramente nuovo, in cui gli elementi di riferimento sono ricollocati – in una connessione linguistica che fonde diversi dialetti – ed elaborati in musica. (...)  la filologia è nell’impianto, nel contesto di riferimento, non nella forma. E in questa dinamica di trasfigurazione formale i brani narrano la nostra quotidianità (...) In questo quadro Spedino sparge animosità e un giusto grado di ironia, elaborando un discorso musicale pieno e aggraziato Daniele Cestellini, Blogfoolk

Quelli realizzati da Squilibri Editore sono elementi preziosi per comprendere i mille rivoli in cui la creatività italiana si presenta, superando mode e fenomeni effimeri [...] Mette i brividi  il brano che chiude l’album e che racconta (tramite la figura di Ze Minghe) il gustoso modo di fare che era quello contadino, lontano dai ritmi e dalla retorica industriale e della globalizzazione. Un velo di nostalgia ci avvince, ma Giuseppe Moffa (novello zampognaro, terribilmente demodé) è abile nel riportarci alla sua ottima ricerca stilistica del pensiero di Eugenio Cirese, senza così cadere nel trito folk Giancarlo Passarella, Musicalnews

'Spedino' Moffa è musicista eclettico e versatile, che sa passare dalla chitarra elettrica alla zampogna tradizionale e sa orchestrare con talento e ricchezza espressiva il materiale musicale che gli passa tra le mani (...) Questo suo ultimo lavoro è un progetto importante in quanto recupera un personaggio significativo dell’area culturale contadina del Molise, la regione dove Moffa è nato Raffaello Carabini, Spettakolo.it

L'ampio booklet che correda il cd ne amplia ulteriormente il respiro, già notevole, tra fragranze d'antan e sonorità più aggiornate. Da sottolineare la presenza di Erika Petti alla voce e di Gabriele Coen al clarinetto Alberto Bazzurro, MusicaJazz

€20.00
€19.00