Home page Squilibri
Seguici su facebooktwittergoogleplusyoutube
  • Centolanza e gli Splendidi

    Centolanza e gli Splendidi

    Il giorno, poi la notte

    Leggi tutto

Mercoledì, 17 Settembre 2014

Per miniere, dall’America alla Lombardia, da Merle Travis ai fratelli Bregoli

bregoli

 

 Come sigla "di martedì" di Giovanni Floris è stata scelta Sixteen Tons di Merle Travis, nell’esecuzione del cantante country Tennessee Ennie Ford, non si sa se per la bellezza della canzone o per l’attualità del testo ("un altro giorno più vecchio e più affondato nei debiti/ San Pietro, è inutile che mi chiami, non posso venire:/ ho dato in pegno la mia anima allo spaccio aziendale).  

Sul significato di questa canzone, e delle sue “sotterranee” relazioni con i miti dei minatori della Valtrompia, parla diffusamente Bruno Pianta nel suo saggio nel volume Avanzamenti: la stessa canzone ritorna, non a caso, nella colonna sonora della “videoballata” omonima di Guido Bertolotti, Elisa Piria e Diego Ronzio che, “analogamente all’oralità e alla creatività collettiva” che intende rappresentare, “prende in prestito, imita, si appropria, metabolizza, ricombina e restituisce in nuova forma” i materiali documentari di cui è composta, per offrirci uno spaccato di grande efficacia sulla cultura del ferro in terra lombarda.

 
avanzam

Avanzamenti. Minatori, fabbri e operai nella ricerca sul campo e negli archivi, a cura di Guido Bertolotti.

cddvd 

Usiamo i cookie per far funzionare al meglio il sito. Accettali se vuoi proseguire.