Home page Squilibri
Seguici su facebooktwittergoogleplusyoutube
  • Musica e tradizione orale in Salento

    Musica e tradizione orale in Salento

    Le registrazioni di A. Lomax e D. Carpitella (1954) di M. Agamennone

    Leggi tutto

Domenica, 06 Settembre 2015

A MiTo-Settembre Musica, presentazione di "Roberto Leydi e il Sentite buona gente

 sentite-resia

Milano, 11 settembre, ore 11 
Sede Amici del Loggione della Scala
Via Silvio Pellico 6  

sentite-gente 



Oreste Bossini e Nicola Scaldaferri presentano il volume di Domenico Ferraro, Roberto Leydi e il Sentite buona gente. Musiche e cultura nel secondo dopoguerra, con CD e DVD allegati.

 

 

 

maracalagonis



Dedicato a una  memorabile esperienza di studio e di spettacolo, promossa da Leydi per la stagione 1966-67 del Piccolo Teatro di Milano, con la consulenza di Diego Carpitella e la messa in scena di Alberto Negrin, il volume ricostruisce la carriera di uno dei due padri fondatori della moderna etnomusicologia italiana, avviata nel clima irripetibile della Milano del secondo dopoguerra. 

  

negrin-nardò


Nel CD una selezione dei brani raccolti sul campo in vista dello spettacolo, nel DVD la riduzione televisiva del Sentite buona gente per una straordinaria testimonianza sull’esistenza di una cultura musicale ‘altra’ attraverso la viva voce dei suoi protagonisti: i musici-terapeuti del Salento, i Cantori di Carpino, i musicisti e danzatori della Val Resia, il Tenore Supramonte di Orgosolo, i suonatori di launeddas di Maracalagonis, gli spadonari di Venaus, la Compagnia Sacco di Ceriana e le sorelle Bettinelli.

 

 Il volume è il quarto della collana AESS-Archivio di Etnografia e Storia Sociale dellla Regione Lombardia, nato nel 1972 per impulso determinante dello stesso Leydi 

Alcuni momenti dello spettacolo nelle riprese televisive di Lino Procacci



 

 la più bella indagine sull'etnomusicologia italiana che sia apparsa dopo la morte di Leydi: la più generosa, la più esauriente, la più linguisticamente meritevole. Quirino Principe, Il Sole 24 ore

 l'arrivo di Roberto Leydi e di una poderosa e profonda ricostruzione di ciò che è stato e di ciò che ha fatto in un momento fondamentale della sua vita Furio Colombo, Il fatto quotidiano

 una ricostruzione magistrale non solo dell'affascinante biografia intellettuale dello studioso milanese ma anche di un periodo cruciale della vita culturale italiana Sergio Torsello, Il Nuovo Quotidiano della Puglia

 Un libro destinato a restare. (…) una densa discussione sulla storia delle idee nel nostro Paese, messa in moto attraverso la lente di osservazione di chi è al di fuori di eredità disciplinari Ciro de Rosa, Blogfoolk

 una preziosa monografia sul meno ortodosso dei nostri musicologi (...), il manifesto di una ossessione puntuale per la restituzione tout court delle culture musicali minoritarie Riccardo Piaggio, Il Sole 24 ore“

 Un bellissimo libro (…)  un ritratto ragionato dell'etnomusicologia italiana vista attraverso il pensiero e l'opera di Roberto Leydi  Attilio Scarpellini, Qui comincia Rai Radio3

 la grande consapevolezza da parte degli interpreti (...) che provengono da una tradizione antichissima ma sanno reinterpretarla in maniera fluida Alessandro Leogrande Corriere del mezzogiorno

 un documento eccezionale, che possiede un grande fascino, quale documentazione di un'impresa che ha lasciato tracce fondamentali nell'etnomusicologia e nell'etnografia italiane Alessandro Zanoli, Azione-Canton Ticino 

 Attraverso una storiografia rigorosa che però non rinuncia alle prerogative della bella scrittura- Ferraro ritrae un intellettuale, Leydi, in grado di coniugare pensiero e azione civile Maurizio Corbella, Amadeus

 

 Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti

 

 

Usiamo i cookie per far funzionare al meglio il sito. Accettali se vuoi proseguire.