Home page Squilibri
Seguici su facebooktwittergoogleplusyoutube
  • mostra digianni 01
  • mostra digianni 02
  • mostra digianni 03
  • mostra digianni 04
  • mostra digianni 05
  • mostra digianni 06
  • mostra digianni 07
  • mostra digianni 08
  • mostra digianni 09
  • mostra digianni 10
  • mostra digianni 11
  • mostra digianni 01
  • mostra digianni 02
  • mostra digianni 03
  • mostra digianni 04
  • mostra digianni 05
  • mostra digianni 06
  • mostra digianni 07
  • mostra digianni 08
  • mostra digianni 09
  • mostra digianni 10
  • mostra digianni 11

Luigi Di Gianni
Tra magia e realtà

Il meridione nell'opera di un cineasta

In formato VHS o Beta, i principali lavori di un regista che, per la loro coerenza tematica e formale, costituiscono un corpus unico nella storia del cinema italiano e, al tempo stesso, una straordinaria testimonianza antropologica, filtrata attraverso una rara sensibilità poetica. 

 



-    Magia Lucana  1958 (18’): rituali e sortilegi sulle orme di de Martino.
-    Nascita e morte nel meridione 1959 (10’): un piccolo paese, San Cataldo, assunto ad emblema del meridione.
-    Pericolo a Valsinni 1959 (15’): frane e alluvioni in una terra tormentata.
-    Grazia e numeri 1961 (13’): tra magia e fede, il culto napoletano delle anime del purgatorio.
-    Il male di San Donato 1965 (10’): i rituali salentini della festa di san Donato, protettore di epilettici e ossessi.
-    La Madonna di Pierno 1965 (12’): la suggestione di un antico pellegrinaggio tra i monti del potentino.
-    Il Messia 1965 (12’): la singolare vicenda di una comunità ebraica del Gargano.
-    I Fujenti 1966 (16’): per le strade di Napoli, i preparativi per la festa della Madonna dell’Arco.
-    Il culto delle pietre 1967 (18’): alla festa di San Venanzio, in Abruzzo, per grotte e cunicoli.
-    Tempo di Raccolta 1967 (13’): raccoglitrici d’olive nella piana di Gioia Tauro.
-    La potenza degli spiriti 1968 (18’): maghi ed esorcisti dell’Alta Irpinia.
-    La possessione 1971 (28’): lo strano caso della “santa” posseduta dallo spirito del nipote.
-    La Madonna del Pollino 1971 (18’): un’antichissima devozione, tra sacrifici e tarantelle.
-    Il tempo dell’inizio 1974 (123’): Nastro d’Argento nel 1975, un lungometraggio di finzione che, nel segno di Orwell e Kafka, si svolge come una densa e tragica parabola sul potere, ambientata tra i Sassi, le chiese rupestri di Matera e il paesaggio lunare dei calanchi.

In sottofondo "Canto a San Rocco" dal CD allegato al libro Nel paese dei cupa-cupa . Voci miste (tra cui Maria Romano, Rosa Cataldo e Maria Inserrato); fisarmonica: Tonino Saracino.

thumb digianni-magia-realta

 

Acquista il libro-catalogo della mostra

 

 

 

 

 

Usiamo i cookie per far funzionare al meglio il sito. Accettali se vuoi proseguire.