Home page Squilibri
Seguici su facebooktwittergoogleplusyoutube

Sergio Secondiano Sacchi, Sergio Staino, Steven Forti 

Vent'anni di Sessantotto

contiene 2cd

Gli avvenimenti e le canzoni che raccontano un'epoca 
2018, € 32
Formato 15x21, con disegni e fumetti di Sergio Staino e 2 CD allegati, pp. 456  

€32.00
€16.00

 

Il 1968 è passato alla storia come l’anno della contestazione giovanile perché nel corso di quei dodici mesi si sono susseguite in tutto il mondo rivolte nate per lo più all’interno delle università e accompagnate spesso da avvenimenti eclatanti, dalle manifestazioni per la Primavera di Praga alle barricate per le strade di Parigi. Lo spirito di quei fermenti rivoluzionari abbraccia però un arco temporale molto più esteso, essendosi manifestato in tutta la sua evidenza almeno quattro anni prima ed essendosi mantenuto vivo, sia pure in forme diverse, per almeno altri quindici anni.

Scorrendo in ordine cronologico il calendario di quell’anno mirabile e le sue articolazioni in ventotto paesi, dal Portogallo al Nicaragua, il volume ripercorre così oltre “vent’anni di Sessantotto”, dalle contestazioni studentesche di Berkeley alla caduta del muro di Berlino, nell’intrigante e mai banale ricostruzione di Sergio Secondiano Sacchi e con il puntuale controcanto dei disegni e dei fumetti di Sergio Staino, la vivace analisi storica di Steven Forti e, in particolare, le 45 canzoni raccolte nei due CD allegati al volume, parte significativa e imprescindibile del racconto di quell’esteso e ramificato pensiero di libertà conosciuto come Sessantotto.

Tra gli interpreti dei due CD Ricky Gianco, Paolo Pietrangeli, Alessio Lega, Max Manfredi, Petra Magoni, Alessandro D'Alessandro, Lluís Llach, Claudio Bisio, Cristiano De André, Peppe Voltarelli, Têtes de bois e molti altri 

Ascolta Ricky Gianco, Dopo dieci anni 

 

 

sergio sacchi

Architetto con la passione della musica, Sergio Secondiano Sacchi ha scritto libri sulla canzone d’autore e curato dischi collettivi, presentando in Italia autori come Vladimir Vysotskij, Pablo Milanés, Lluís Llach, Pi de La Serra e Joaquín Sabina. Per Squilibri ha curato Multifilter. Mito e memoria del padre nella canzone

 

staino2

 

Disegnatore, scrittore, regista, operatore culturale e vignettista “storico” de l’Unità, di cui è stato anche direttore, Sergio Staino collabora tuttora con alcuni dei più importanti quotidiani e periodici italiani.

 

 

StevenForti Foto Fabrizio Fenucci low


Professore di Storia Contemporanea presso l’Università Autonoma di Barcellona e ricercatore presso l’Università Nova di Lisbona, Steven Forti collabora con molte riviste tra Italia, Spagna e Grecia. 

 

 

 Tris d'assi per un libro complesso e su un argomento spinoso (...) incastonano eventi, aneddoti, riflessioni, le magnifiche illustrazioni di Sergio Staino e ne fanno un unico canto, incredibilmente gradevole da ascoltare con gli occhi (...) e ci mettono una bella colonna sonora (...) 45 canzoni che raccontano il '68 in maniera tutt'altro che didascalica. Da Contessa di Pietrangeli a La Storia di De Gregori fino a una versione strumentale clamorosa di Azzurro ad opera del sempre più straordinario Alessandro D'Alessandro. E allora, tutti insieme, Alessio Lega e Sighanda, Olden e i Têtes de Bois. E poi c'è la mia preferita, Combat che Tito Schipa Jr incise su un vecchio 45 e qui viene ripresa da un Peppe Voltarelli in gran forma  Michele Neri, Vinile 

la collana ‘I ibri del Club Tenco, creata in sinergia con i meritori responsabili di Squilibridecolla con tre titoli di peso non indifferente. Quello di cui ci occupiamo qui è in tal senso senz’altro il più… pesante, non fosse altro che per mole: oltre 450 pagine, più due cd con un totale di quarantacinque canzoni. Roba da far tremare i polsi, non c’è che dire  Alberto Bazzurro, L'isola che non c'era 

 "Vent'anni di Sessantotto" si impone come un inedito e fluviale testamento ontologico. Una (ri)lettura propedeutica e antinostalgica, per chi non ha smesso di confidare nelle istanze sessantottine e/o per chi ha cominciato da poco a farle sue: la lotta può, dovrebbe, deve continuare. Caldamente consigliato alle scuole  Mario Bonanno, Sololibri.net 

Non esiste momento più opportuno per chinarsi su queste 450 pagine con i suoi canti, controcanti, contestazioni e cadute. Altro che “Piattaforma Rousseau”. Ci ricordano queste pagine che il mondo può essere cambiato in profondità, con più progresso, più uguaglianza, più libertà e soprattutto più allegria. L’allegria e la fiducia che terribilmente mancano agli attuali pensatori e gestori del presente, affogati da indescrivibili tristezze e sfiducie da sistematica decostruzione della mente Marcelle Padovani, Il blog di Sergio Staino 

Un libro indispensabile e importante, accompagnato da due CD e corredato dai disegni di Staino. Straordinario affresco di un'epoca Francesco Ghezzi, Rockerilla 

Sei mani, tanti ricordi e arguzia in abbondanza per dipingere un Sessantotto piuttosto originale, a tratti bizzarro, inaspettato. (...) Un modo civile e coinvolgente di raccontare il Sessantotto alle nuove generazioni Piercarlo Poggio, Blow Up

In un momento in cui sovranismo, intolleranza ed estremismi di destra stanno tornando sulla scena politica e sociale, questo libro si pone come un opera necessaria nell’illustrare l’importanza, l’attualità e la necessità della lezione civile del Sessantotto Salvatore Esposito, Blogfoolk

€32.00
€16.00

Usiamo i cookie per far funzionare al meglio il sito. Accettali se vuoi proseguire.