Home page Squilibri
Seguici su facebooktwittergoogleplusyoutube

Vincenzo Lombardi

 In (re) viva voce 

Strategie e processi di valorizzazione delle tradizioni musicali 
2017, € 20
Formato 21x29,7, con 14 composizioni per coro, pp. 240 

€20.00
€17.00

Uno sguardo sui processi di redifinizione dell’idea di “tradizione musicale” in corso nel panorama musicale contemporaneo e una riflessione sui fenomeni di ridefinizione e reinvenzione delle idee di identità musicale, soprattutto all’interno delle pratiche e del repertorio della “musica tradizionale” e sui processi di patrimonializzazione in atto, con una ricostruzione delle varie fasi della ricerca etnomusicologia in Molise e una ricognizione sugli archivi sonori istituzionali e privati di maggiore pregio. 

Esito di un progetto finalizzato alla valorizzazione del patrimonio musicale molisano, il volume presenta anche 19 composizioni per coro, realizzate da 14 musicisti (Guido Messore, Giuseppe Mignemi, Mauro Zuccante, Sandro Filippi, Domenico De Simone, Pierpaolo Scatollin, Tiziano Albanese, Marinella Minelli, Lelio Di Tullio, Antonio Iafigliola, Antonio Di Iorio, Manuel Rigamonti, Piero Niro e Giuseppe Mignemi) di varie fasce d’età e di diversa formazione, a partire dalle trascrizioni musicali di brani cantati, notate da etnomusicologi e musicisti nel corso degli anni, dal 1950 ad oggi.

 

lombardi 
Etnomusicologo, musicista e bibliotecario, Vincenzo Lombardi si occupa di catalogazione e ricognizione musicologica concernente le fonti musicali, di pratiche musicali di gruppo (bande e complessi mandolinistici), dello studio del patrimonio etnomusicale e delle forme della sociabilità musicale. Per Squilibri ha curato Com’a fiore de miéntra. Omaggio in musica a Eugenio Cirese e, con Maurizio Agamennone, Musiche tradizionali del Molise. Le registrazioni di Diego Carpitella e Alberto Mario Cirese (1954).

 


Il progetto si configura non soltanto come riflessione sulla documentazione sonora storica, ma diviene anche azione di tutela e di valorizzazione di espressioni musicali tradizionali non più praticate, come il prefisso “re”, posto accanto all’espressione “in viva voce”, suggerisce. (...) Ne emerge una riflessione rilevante sulla categoria di tradizione musicale, sui fenomeni di reinvenzione dell’identità musicale e sui correnti processi di patrimonializzazione Ciro De Rosa, Blogfoolk 

 A rendere interessante, ben oltre l'ambito locale, è il capitolo introduttivo dove Lombardi si sofferma ad analizzare e approfondire il concetto di "tradizioni musicali" e, soprattutto, di come lo si possa valorizzare e rendere fonte di creatività sonora. (...) La necessità di non chiudere al museo, fissate con spillo, espressioni musicali degne di ben altra sorte Piercarlo Poggio, Blow Up 

Il sottotitolo del libro, “Strategie e processi di valorizzazione delle tradizioni musicali”, dichiara esplicitamente le finalità di una ricerca che valorizza la tradizione partendo dallo studio della documentazione sonora storica e approdando alla realizzazione di composizioni per coro che, in forme molto diverse, trascrivono e trasformano i canti tradizionali collocandoli nella dimensione della scrittura contemporanea Piero Niro, Il Bene Comune

€20.00
€17.00

Usiamo i cookie per far funzionare al meglio il sito. Accettali se vuoi proseguire.