Home page Squilibri
Seguici su facebooktwittergoogleplusyoutube

Daniele Sestili

Musica e tradizione in Asia Orientale

contiene cd

Gli scenari contemporanei di Cina, Corea e Giappone
2010, 
€ 28
Formato 15x21, 65 foto a colori, pp. 288

€28.00
€23.80

 

Nelle odierne società dell'Asia orientale (Cina e Taiwan, le due Coree e Giappone) le musiche tradizionali, emergendo come potenti icone identitarie, interagiscono con altre realtà musicali, come la popular music o la musica "classica" di scuola occidentale, secondo i processi di globalizzazione dagli esiti in gran parte ancora da definire in questa vasta area dove vive quasi un quarto della popolazione mondiale.

La ricostruzione di tradizioni musicali del tutto peculiari, attraverso l'individuazione dei loro elementi costitutivi (repertori, strumenti e stili musicali) nei rispettivi contesti storici, politici e culturali di appartenenza, si accompagna a una densa riflessione teorica e metodologica attorno ai risultati più significativi raggiunti dalla critica, tanto occidentale quanto indigena.

Con un ricco apparato iconografico e, nel CD allegato, un'antologia dei generi più rappresentativi, il volume costituisce una fondamentale introduzione alle musiche dell'Est Asia che si configura come uno dei laboratori più interessanti in merito al più generale rapporto tra tradizione e contemporaneità.

Ascolta il brano Etenraku (© Nihon gagaku kai)



sestili1


Daniele Sestili
 ha insegnato Etnomusicologia dell'Asia presso l'Università di Roma "La Sapienza" dal 2005 al 2011. Da oltre vent'anni rivolge i suoi interessi di ricerca all'Asia orientale, in particolare al Giappone, e ha all'attivo numerose pubblicazioni. Attualmente insegna Lingua e Civiltà Giapponese in un Liceo romano.

 

 

Sono pochi gli studi in Italia sulla musica tradizionale orientale e quello di Sestili è uno dei migliori: la musica di Cina, Giappone, le Coree, Taiwan, con dovizia di particolari e passione. Ernesto Assante, La repubblica

(un libro) che è davvero uno spartiacque anche per le prossime indagini sull'argomento. Lo è per per la ricchezza di proposte e per l'analisi puntuale che ci apre a una visione nuova di questi mondi, spesso troppo chiusi nell'approccio ultimo degli occidentali. Michele Fumagallo, Alias

Sestili quindi indaga le tradizioni musicali dei singoli Paesi senza però perdere di vista il quadro complessivo dell'area (...). Non mancano inoltre cenni alle musiche delle minoranze etniche le quali, numerose in particolare in un Paese vasto come la Cina, costituiscono parte integrante del panorama musicale locale, accanto alle musiche d'arte. Fabrizio Giuffrida, Mondomix

L'ouvrage tout entier révèle une sensibilité très vive à la dimension historique et au contexte politique des musiques étudiées. (...) l'auteur met en garde contre les dangers de l'ethnocentrisme. Il appelle de ses vœux un échange plus intense entre l'ethnomusicologie européenne et la communauté scientifique d'Asie, (...)  "deux approches partielles mais complémentaires du même phénomène musical". (...) Fait rare, cet ouvrage est agrémenté d'un ensemble de plus de soixante photographies en couleur (....). Le superbe CD qui accompagne ce livre témoigne du goût musical raffiné de son compilateur. Il nous invite à un parcours plein de découvertes. Plusieurs enregistrements sont, en effet, des inédits, comme les six plages consacrées à la Corée, par exemple, toutes d'une grande beauté. Georges Goormaghtigh, Cahiers d'ethnomusicologie 

è proprio lo sguardo sulla contemporaneità a caratterizzare in modo univoco il volume, a farne uno strumento e una fonte autorevole rivolta tanto a orientalisti, antropologi, musicologi ed etnomusicologi, quanto agli studenti universitari che si formano nel campo degli studi orientali (...) il frutto di un lavoro serio, approfondito e minuzioso, da parte di uno specialista che è riuscito a coniugare con il giusto equilibrio rigore scientifico ed esigenze divulgative, offrendo un quadro dinamico della materia e affrontando la complessità senza scorciatoie. Roberta Tucci, Voci

Corredato con un Cd (durata complessiva 75 minuti) comprendente brani esemplificativi, oltre che con una ricca documentazione fotografica e un prezioso glossario ad uso dei non specialisti dell’argomento, il volume permette ll’appassionato italiano di musica etnica di scoprire scenari finora poco esplorati, meritevoli di essere conosciuti più a fondo. Mario De Luigi, Musica e Dischi

Si tratta di uno studio complesso e appassionato, indispensabile per iniziare ad avere uno sguardo completo sull'argomento, in grado di offrire un'introduzione alle identità musicali dell'area sia negli elementi comuni, con similitudini e influenze reciproche, sia nei tratti peculiari di ciascun paese, arricchito peraltro da un cd musicale d'accompagnamento e da numerose fotografie esplicative. (…) un'opera stratificata che mantiene una magnifica capacità di sintesi, sempre chiara nonostante l'introduzione di numerosi termini tecnici e di concetti non immediati. Uno studio capace di incuriosire e di aprire nuove prospettive nell'approcciare tradizioni musicali (e non solo) distanti dalle nostre. Stefano Locati, www.asiaexpress.it

€28.00
€23.80

Usiamo i cookie per far funzionare al meglio il sito. Accettali se vuoi proseguire.